16.11.09

Blip Bang Zorch!

Il social network per me è una cagata pazzesca. Cancellato Facebook da qualche mese perchè totalmente inutile per me, resisto su myspace perchè è una fonte inesauribile di roba interessante.
Non cerco nessuno, poche amicizie, spesso band da tenere d'occhio, ogni tanto do uno sguardo al mio blog center in cerca di notiziole succose e mi passo il tempo a vagliare chi chiede la mia di amicizia. Se mi fai cagare col cazzo che ti aggiungo, mi passo in rassegna i tuoi pezzi, resisto fino al secondo, se fai cagare ti mando affanculo, se invece sei interessante una chance te la do.

Ai Zorch non ho dato una chance, gli ho regalato un pezzo di cervello. Di Austin, duo batteria-keyboards scherza poco con l'elettronica e va di prog a manetta. Magari loro non lo vogliono neanche ma è prog, è Soft Machine, è jazz-rock disidratato, ci sento dentro anche gli Stereolab, le soundtracks dei poliziotteschi italiani, i Zorch vanno di moog, Wurlitzer e Omnicord a manetta! E poi scopro che i Zorch erano anche una misconosciuta band inglese dei '70 pioniera dell'elettronica dei lightshow.
Scaricate il demo e sentiteci qualcosa anche voi! Pezzi preferiti Gimme the Axe e Zut Alore!

E poi scopro che i Zorch erano anche una misconosciuta band inglese dei '70 pioniera dell'elettronica dei lightshow.
Turdo mannaggia la maiala li devi sentire!

3 commenti:

mauro ha detto...

Sto già provvedendo a scaricare la demo... appena lo metto su un cd e me lo sparo in macchina ti faccio sapere se ci trovo qualcosa...

mauro ha detto...

Per una mano ci ho trovato un po' di sfiga! Mentre me li sparavo a manetta, con mia moglie che diceva "cazzo che batterista!", una puttana mi passa col rosso all'incorcio tra via libertà e via notarbartolo e me la sboccio nonostante il frenatone. Nemmeno il tempo di scendere dalla macchina per vedere il danno e chiedere se era tutto a posto che la suddetta puttana è ripartita in fuga scappandomi nel traffico lasciandomi lì come un cazzone! Roba da non credere... fortunatamente ho avuto danni lievi, ma la prossima volta che qualcuno mi sboccia passando col rosso prima poso 2 boffe e poi si vede.
Gli Zorch comunque mi ricordano un po' gli Apparat Organ Quartet (che mi piacciono molto e se non conosci te li consiglio), tre tastiere e un batterista, solo che qui il drummer pesta come un animale... ed è meglio!
Ho capito anche che Zorch deve essere il suono onomatopeico che fa una macchina che sbatte su un'altra.

Romilar ha detto...

gli Apparat non li conosco me li segno, a questo punto gli Zorch portano attasso! mi tocco e in macchina non me li metto!