25.7.11

Uncle Acid and the deadbeats


E questi da dove saltano fuori?
Leggi una, leggi due, leggi tre, alla fine ti fermi un attimo, la cover di Blood Lust già ti mesmerizza, un giro sui tre pezzi su Facebook, senti che fanno sì seventies rock dal sapore proto-doom, che hanno dei bei riff, che hanno un bel hammond e soprattutto ritornelli che si stampano bene in testa. E poi sanno di polvere che al giorno d'oggi è merce rara.
Gli Uncle Acid and the deadbeats non inventano nulla di nuovo ma suonano credibili, tanto mi basta.
Non come quei cloni sputtanati dei Sabbath a nome Orchid.
Poi il video in questione mi fa andare su di giri, sarà la quarta volta che premo play, il ritornello è proto Kyuss!
Dunque, leggo che Blood Lust è il secondo disco, che esce per una fantomatica Killer Candy records, vinile e cd in versione ultra-limitata, io l'ho messo dentro che ho bisogno di un contraltare solare a quel meraviglioso macigno scuro che è Atma degli Yob.
Tò il link, scenditelo che questa è roba di culto e più si conosce e meglio è.

2 commenti:

eris23 ha detto...

quoto in tutto, per tutto, proprio tutto! Hai seguito esattamente il mio stesso iter...e ora bisogna cercare di acquistare i due dischi :)

Romilar ha detto...

Eh si!! E il disco nuovo lo vendono a meno di dieci sterle!!