24.7.13

Cosey Mo

Non so se riuscirò a resistere fino al 17 Settembre e non scaricarlo prima - con Spotify ho anche riassaporato il gusto moooolto retrò di aspettare l'uscita del disco, ascoltarlo,  andare in un negozio di dischi e comprarlo - nonostante il catalogo Profound Lore su Spotify non sia completo.


'More Constant Than the Gods' dei Subrosa è uno dei dischi più attesi dell'anno, continuo ad ascoltare No help for the mighty ones regolarmente a distanza di due anni, quel miscuglio strano di sapore doom con grossi e grassi riff accostati a dei violini alla Dead Can Dance e un qualcosa dark-wave della voce rimane tra le cose più originali che ho ascoltato negli ultimi anni.
I Subrosa danno in pasto in anteprima il primo pezzo e non fanno altro che farmi sbavare.


E un ripassino ogni tanto non fa male

3 commenti:

Anonimo ha detto...

sono due giorni che ascolto initerrrottamente a lavoro il nuovo pezzo dei Subrosa.
Minchia che pezzone, spero che tutto il disco è su questo livello .Cmq grazie della dritta

Anonimo ha detto...

sono due giorni che ascolto initerrrottamente a lavoro il nuovo pezzo dei Subrosa.
Minchia che pezzone, spero che tutto il disco è su questo livello .Cmq grazie della dritta

Romilar ha detto...

Gran pezzo si! E speriamo che calino in italia!!