27.5.13

Stick to Spotify


Caduto nella 'trappola' di Spotify? con tutte le scarpe.
Forse è presto per dire che i miei consumi digitali sono cambiati davvero ma nelle ultime due settimane la maggior parte dei miei ascolti in movimento sono con Spotify.
C'è una miniera da scoprire e qualche grosso buco - Neurot inesistente, per dire, come sludge e generi bastardi affini sono scarsamente disponibili - ma la comodità è indiscutibile.

Impagabile spararsi senza sbattimenti tutta la discografia dei Dillinger Escape Plan, dei Discharge o dei Neu! (ma quanto cazzo erano avanti?!) , scoprire i Papir con l'ultimo meraviglioso disco o i Bardo Pond con l'ep uscito per l'ultimo Record Store Day, farsi la mattina la barba con la playlist di SoloMacello, attaccarsi lo smartphone allo stereo della macchina e ascoltarti il cazzo che ti pare senza avere il pensiero di tenere in macchina il cd, ricordarsi di prenderlo, bestemmiare appena scesi al box e tornare su a prenderlo.. se hai tutto in tasca quando sei in movimento l'unica cosa che ti serve è un buon paio di cuffie isolanti.
Poi a casa ci ascoltiamo i vinili, i cd, ce li coccoliamo, stropicciamo, leggiamo, mandiamo a memoria..prepariamo le playlist giuste da ascoltare con i figli..

Ho quasi riempito un ipod da 80 giga e non ho nessuna intenzione di stare lì a togliere, fare spazio e mettere altra roba, 80 giga sono tanti ma sono comunque uno spazio finito.
Ho 2 giga di banda con lo smartphone che pago in anticipo ma non uso completamente, bene che vada ne uso il 20%.. se anche le analisi cliniche le ritiro via internet, vuoi che non usi una simile comodità per la musica?

Account Premium per dieci euro al mese e ti fanno pure un pompino.. streaming senza pubblicità, possibilità di ascoltare la musica 'off line' (basta settare la modalità offline, mandare per pochi secondi il pezzo, il sistema lo riconosce come ascoltato e lo abilita per l'off line), qualità audio ottima..

E poi diciamocela tutta, il problema (mio almeno) non è pagare ma pagare quanto sta bene a me, ognuno ha il suo 'break even', come dicono quelli con la giacca e cravatta.
Nove euro e novanta al mese per avere tutta la musica che voglio, dove, come e quando, mi sta bene.

2 commenti:

Dave Ratinho ha detto...

Ancora non mi sono dato a spotify, ne so meno di niente! Però sembra allettante...

Romilar ha detto...

Dave sulla roba passata ha un catalogo impressionante, sulla roba nuova non sempre ma è questione di licenze e di soldi